Confessioni

Confessarsi non è, prima di tutto, fare un elenco dei proprio peccati ma riconoscere che Gesù è più grande dei nostri errori ed entrandoci dentro, immergendosi in essi, ci può donare nuovo gusto per la vita, per il bene, per il bello, per il vero! Nonostante quello che ho fatto, la discordanza del mio comportamento, la lontananza del mio cuore da Dio e dagli altri, il Signore mi precede offrendomi il perdono, dicendomi che per lui è più importante la comunione con me che una rigida giustizia, che il suo stesso onore, che la necessità di riparare. Non sono i miei errori, non sono una delusione, ma qualcuno in cui il Creatore scommette ancora, questa è la misericordia di Dio!

“Ogni anima che si eleva, eleva il mondo”. E così ogni anima che si abbassa, abbassa il “tasso di carità” che impregna tutti gli uomini, abbassa il mondo. Di ogni nostro gesto siamo responsabili davanti ai nostri fratelli.

Ma come essere perdonati da tutti coloro che abbiamo ferito, quando tanto spesso (pensiamo alla maldicenza) non possiamo neanche riparare materialmente il male fatto? Anche se chiedessimo perdono a tutti coloro che incontriamo non potremmo mai essere totalmente perdonati. La Chiesa si fa carico di questo dramma del peccato, e, mandata dall’Onnipotente, l’unico che può veramente riparare il male che abbiamo fatto, annuncia efficacemente il perdono, non solo di Dio, ma anche degli uomini. Il prete è mandato a portare questo annuncio. Nulla è irreparabile, e il mio essere perdonato, il ricevere la grazia della Misericordia divina, guarisce, in modo misterioso anche se non tangibile, anche le ferite che ho inflitto agli altri. (P. Cesare Falletti).

Puoi ricominciare a credere in te stesso ed in Dio nel sacramento della confessione con qualunque sacerdote, con uno di noi se ti fa piacere o, per esempio, presso uno dei santuari del nostro territorio:

Santuario della Consolata: Feriali 6.30 – 12.15 – 15.00 – 19.00; Festivi 6.30 – 12.30 – 15.00 – 20.00
Santuario di Maria Ausiliatrice: ore 6.00 – 12.00/14.30 – 19.00
Santuario di Santa Rita: festivi 16 – 19.30, feriali 16 – 19

Per prepararsi bene puoi utilizzare il sussidio preparato dagli amici salesiani che trovi qui.

Condividilo!